…e in Ticino: “Prendi il largo”

VEGLIA MISSIONARIA DIOCESANA – “PRENDI IL LARGO”
5 OTTOBRE 2018 DA MAGADINO

L’acqua e la vegetazione rigogliosa sono gli elementi che definiscono la regione amazzonica del Perù.
La veglia di preghiera nella Svizzera italiana quest’anno si svolgerà sul battello che da Magadino ci condurrà in un giro sul lago. Attraverso riflessioni, preghiere e testimonianze saremo invitati ad unirci ai fratelli peruviani e riflettere  sul motto della Campagna Missionaria 2018:  “ Prendi il largo” ( Luca 5,4).

Sarà l’occasione per pregare anche per la Missione ad Haiti

 

Prendi il largo

Village de la Misericorde

Diversi decenni fa, un prete haitiano ha costruito vicino al collegio Madonna di Lourdes a Miragoâne un piccolo quartiere per persone e famiglie con disabilità. I suoi successori lo hanno gestito e da ultimo un prete argentino che lavorava nel settore ha un po’ abbandonato il tutto. Le suore del cardinal Sancha hanno continuato a portare un pasto caldo ai residenti. Ma il tempo e l’uragano del 2016 hanno danneggiato tutto. In particolare la piazza di ritrovo. Père Yves Voltaire lo scorso anno ci ha chiesto un aiuto per la ricostruzione ed abbiamo fatto capo alla colletta svolta nell’ottobre 2016 per i danni di Matthew. Continue reading “Village de la Misericorde”

Corso di formazione per i direttori delle scuole cattoliche di Nippes

Gli haitiani amano molto l’elogio e i grandi progetti ciò che è o che sembra rientrare nella normalità non ha peso. Per questo qui nel Nippes cade quasi sempre a fagiolo che quando arriva una visita dal Ticino vi è anche una grande manifestazione. Ecco che nel calendario del progetto educativo questo fine settimana era indicato come tempo per corso di formazione per direttori di scuola del settore Miragoâne. Puntualmente con appena due ore di ritardo questa mattina 35 direttori su 45 in giacca e cravatta pronti per iniziare con il padre nostro e l’inno haitiano accompagnati dalla presentazione dei singoli presenti. Continue reading “Corso di formazione per i direttori delle scuole cattoliche di Nippes”

Secondo seminario di formazione dei direttori di scuola

Padre Yves ha inviato alcune immagini del secondo seminario di formazione dei direttori di scuole cattoliche della Diocesi di Nippes.

Non ci sono Nicole Nicola e Francisco che proprio in quei giorni si sono recati in capitale sia per accompagnare Mauro, Tiziana e Sabrina che tornavano in Svizzera, sia per visitare il centro di Suor Marcella Catozza.

Per chi lo desidera Caritas Ticino, nel settembre 2005 aveva realizzato una intervista proprio con Suor Marcella che era in visita in Ticino.

Le suore della congregazione del cardinal Sancha

Dall’alto della casa delle suore della congregazione del cardinal Sancha, piccola comunità haitiana, si gode uno stupendo panorama sulla città di Miragoâne e sul mare. Il carisma delle suore e nell’educazione alle ragazze di condizioni disagiate e gli anziani. Qui sono in tre, una cubana, una haitiana è una domenicana. Una bella comunità. In casa con loro madame Marie anziana professoressa e ispettrice. Ormai ha più di 90 anni ma una mente ancora lucida. Il collegio conta 925 studentesse e i docenti sono quasi tutti laici. Le classi vanno da un minimo di 30 a un massimo di 61 allieve. Continue reading “Le suore della congregazione del cardinal Sancha”

Da Paillant a Plaisance

Da Paillant a Plaisance ci vogliono circa tre ore in auto su una strada che fa soffrire. Plaisance e sulle montagne ai confini del dipartimento quando arrivi sei come in paradiso. La parrocchia conta (forse) 40 mila persone e molte sono passate in questi anni al protestantesimo delle chiese americane. Parroco da tre anni e p. Emmanuel, vocazione adulta, un po’ abbandonato a se stesso poco motivatore. Continue reading “Da Paillant a Plaisance”

Visita al collegio Saint Joseph

Dopo la visita alle prigioni la delegazione e i missionari ticinesi sono stati accolti dalle suore salesiane con la madre Flore Fanfan direttrice del collegio Saint Joseph. Il Ticino e collegato al collegio già da diversi anni Grazie ai padrinati che sono attualmente 73. I ragazzi (asilo e primaria) ricevono un’ottima educazione e sono molto seguiti dalle suore e dal personale laico che le suore ospitano in casa loro. La struttura del collegio ben tenuta e pulita nel week end serve per corsi popolari di formazione e per incontri di gruppi. Grande e la riconoscenza per il sostegno che arriva dal Ticino.

Visita ad un altro carcere

La strada verso Anse-à-Veau mette a dura prova le abilità degli autisti. È rimasta purtroppo come i giorni seguenti l’uragano Matthew in settembre 2016. Una fatica via arrivarci e anche le temperature non sono quelle di Paillant anche se siamo a bordo mare. Oggi visita alle carceri con 154 detenuti in celle anguste e strapiene eccetto quella delle donne con due sole. Difficile esprimere reazioni e sensazioni ma certo non si esce da visitatori come si è entrati.noi portiamo prodotti d’igiene che vengono scrupolosamente esaminati. Gli shampoo non possono entrare perché probabilmente contengono alcol (!). Resteranno per i bambini delle suore salesiane. Anche i carcerieri vogliono la loro parte. Notizia consolante: tre giovani dopo aver pagato una multa di 500 gourdes (8 franchi) potranno nei prossimi giorni andarsene. Giustizia e Pace cerca di far vedere la propria presenza e nelll’intrigo delle leggi e dei dossier che si perdono cerca di rendere meno duro il periodo di internamento.

In visita alle carceri di Miragoâne

Venerdì 14 settembre i missionari e là delegazioni accompagnati dalla responsabile diocesana di Giustizia e Pace hanno visitato le carceri di Miragoâne e hanno distribuito prodotti di igiene che erano stati inviati con il container e acqua potabile. La condizione dei detenuti, 28 al momento, fa paura. Spazi maleodoranti piccoli e nelle celle (7) si trovano assieme i ladri di capre e gli assassini. Si può parlare con i detenuti ma non si possono vedere a causa delle porte in ferro. Gli agenti sono sembrati umani anche se non sembra essere questo l’atteggiamento quotidiano. La presenza di Giustizia e Pace fa si che un minimo di rispetto della persona sia mantenuto e che i casi di manifesta ingiustizia siano portati alla luce e risolti.

La visita del vescovo Pierre-André Dumas

Sabato 15 settembre 2018 la missione svizzera ha ricevuto a Paillant la gradita visita del  vescovo Pierre-Andre Dumas accompagnato dal consiglio presbiterale. Dopo il pranzo comunitario il vescovo ha dialogato con i tre missionari e con la delegazione in visita. Mons. Dumas ha rinnovato il suo ringraziamento alla Chiesa di Lugano per il sostegno e per il personale inviato molto apprezzato soprattutto negli ambienti più lontani dai centri dove spesso parroci e comunità si sentono abbandonati. Gli interventi e la presenza a Plaisance stanno ridando animo a una comunità che è stata maltrattata dal ciclone Matthew che bel 2016 gli ha distrutto tutte le chiese e le scuole. Il vescovo ha promesso che sarà più vicino in futuro all’equipe.

Paillant

Paillant non è solo il nome di un villaggio sperso sulle colline del Nippes ma è anche il cognome più diffuso nel comune. Uno di loro ha fatto fortuna negli USA e ha donato al proprio paese di origine un bel centro culturale che è stato aperto nel mese di febbraio. Giornalmente possono andare gli studenti per ricerche o studio come pure chi ha interesse nella lettura. Per il momento non funziona il prestito perché stanno ancora catalogando i tanti libri ricevuti in dono molti dei quali abbastanza datati.

Il centro ha sala conferenze cucina sala informatica senza apparecchi per il momento. Manca l’animazione della comunità ad utilizzarlo. La statistica dice che si arriva ai 10 visitatori giornalieri. Sabrina ha riempito il foglio statistica per il gruppetto ticinese.

Riparazioni a Miragoâne

I fondi raccolti dopo l’uragano Matthew continuano a dare risultati.
Questo è un centro comunitario per la terza età a Miragoâne.
Dopo l’uragano era completamente distrutto, è stato riparato il tetto e sono state ricostruite e in parte rinforzate le pareti per accogliere nuovamente la comunità.

 

Mauro Clerici da Haiti

“Continua ad essere un paese dalle grandi contraddizioni arrivi in aeroporto e ti trovi con un’efficienza e una rapidità sconosciute e in un attimo le autorità doganali smaltiscono i passeggeri di un volo da Miami. Poi esci sulle strade e ti ritrovi nella città del terremoto, stessi venditori ad ogni passo, stesso lordume accumulato ai bordi della strada. Arrivi a Paillant in una bella casa della missione Svizzera con una brava cuoca (riso,pollo e insalata con avocado a km 0) , fai un giretto per Paillant vedi delle belle villette e poi ascolti Francisco, Nicole e Nicola che ti dicono che certi maestri guadagnano in campagna 3 dollari al mese e non mancano a una lezione. Paese dove donne anziane che non leggono e non scrivono e vanno di giorno a portare secchi di Malta e sabbia perché i nipotini ricevano educazione e il tutto per un bicchiere d’acqua. Questo è Haïti ma proprio perché è così, è un bel paese.”mauro clerici

Powered by WordPress.com.

Up ↑